Controlli della Polizia provinciale contro l’avvelenamento della fauna in comune di Codigoro

 

In località Ponte Quagliotto in comune di Codigoro, una pattuglia della Polizia provinciale ha rinvenuto alcuni cubetti di colore rosso scuro, molto probabilmente bocconi avvelenati, lungo la capezzagna e in un appezzamento limitrofo coltivato a carote e la presenza di gabbie per nutrie, al cui all’interno erano presenti carote, patate e altri cubetti di color rosso scuro identici a quelli già visti in precedenza.

Gli agenti ne hanno messi alcuni campioni in un sacchetto per le successive analisi, oltre a prelevare anche una nutria morta, rinvenuta poco distante nel canale di scolo con segni evidenti di emorragia e posta dentro un altro sacchetto.

La nutria e i cubetti sono poi stati inviati alla sezione di Ferrara dell’Istituto Zooprofilattico della Lombardia e dell'Emilia Romagna, per le analisi del caso.

“Ricordo che utilizzare veleno o esche avvelenate – dice il comandante Claudio Castagnoli – è un reato molto grave, perché il veleno, che non è mai selettivo, uccide tutti i tipi di animali e invito tutti coloro che osservano questa deprecabile pratica a segnalarlo immediatamente al Comando della Polizia Provinciale”.

Allegato: 

Poliz prov antiveleno1.jpg (456.78 KB - jpeg)
Poliz prov antiveleno2.jpg (272.59 KB - jpeg)
poliz prov antiveleno3.jpg (263.43 KB - jpeg)
Poliz prov-antiveleno.jpg (512.73 KB - jpeg)